Dintorni

Home  >>  Dintorni

Bergamo Alta

(detta anche Città Alta o, in passato, la città, in contrapposizione ai borghi) è una città medioevale, circondata da bastioni eretti nel XVI secolo, durante la dominazione veneziana, che si aggiungevano alle preesistenti fortificazioni al fine di renderla una fortezza inespugnabile.

Città alta le tre vedute 1920x1080DSC00088DSC00312DSC00534DSC00541DSC00585cybershot (15)DSC00315DSC00316DSC00320DSC00599DSC01606DSC01817dsc-r1-0 (121)dsc-r1-0 (20)dsc-r1-0 (335)

 

San Tomè

come è più generalmente nota, si trova nel territorio del comune di Almenno San Bartolomeo, soggetta canonicamente dalla parrocchia di San Bartolomeo di Tremozia, in provincia di Bergamo.

Si tratta di un edificio ecclesiale a pianta circolare in stile romanico-bergamasco risalente alla prima metà del XII secolo, dedicato a san Tommaso.

Il territorio su cui sorge la rotonda faceva parte di un ben più ampio comprensorio abitato già in epoca precristiana dai Galli Cenomani], tradizionali alleati di Roma di cui acquisirono la cittadinanza nel 49 a.C., denominato Lemine. Il Rotulum decimarum del 1353 ne precisava l’ubicazione.

I romani lasciarono tracce notevoli della loro presenza in questo territorio importantissimo sotto l’aspetto strategico, percorso dalla strada militare che collegava Bergamo a Como, parte terminale di quella che univa il Friuli alle regioni retiche.

Questa strada scavalcava il fiume Brembo, proprio nelle vicinanze dell’area di San Tomè, con un ponte imponente i cui resti ne lasciano immaginare la grandezza. Del ponte crollato a più riprese nel corso dei secoli non sono rimaste che scarse tracce e una memoria popolare che lo ha attribuito ai Longobardi, tanto da essere comunemente conosciuto come il Ponte della Regina, in questo caso Teodolinda.

DSC00385DSC00389DSC00393un-giorno-speciale-ad-almenno-ecco-san-tome-dopo-il-restauro_de739d5a-5f7b-11e3-bf08-ce6a9c46e3fe_displayDSC00391DSC00399

 

Cornello dei Tasso

in Valle Brembana, uno dei borghi più belli d’Italia, una delle località bergamasche dove meglio si è conservata la struttura urbanistica ed architettonica medioevale. Un tempo era al centro dei commerci che si svolgevano con la Valtellina lungo la Via Mercatorum, la più antica strada della Valle Brembana, ed era sede di un importante mercato. Sul finire del Cinquecento la sua fortuna cominciò a declinare in seguito alla costruzione, nel 1592, della nuova strada, la Priula. che correva sul fondovalle, alquanto discosta dal Cornello. Il borgo che in tal modo rimase piuttosto isolato e andò via via perdendo l’importante funzione di accordo tra la media e l’alta Valle Brembana che aveva svolto fino a quel momento. Il secolare isolamento ha favorito la conservazione dell’originario tessuto urbanistico che è caratterizzato dalla sovrapposizione di quattro diversi piani edificativi. (Tarcisio Bottani, responsabile dei servizi educativi del Museo dei Tasso e della Storia Postale).

img792DSC02140DSC02078DSC02087DSC02127img736img735DSC02095DSC02107DSC02128DSC02113img845img530DSC02117

Oneta

Appena sopra l’abitato di San Giovanni Bianco, la vecchia mulattiera conduce ad Oneta, dove la tradizione individua la casa natale di Arlecchino. Un pugno di case antiche, alcune delle quali restaurate nel rispetto della struttura originaria, contribuiscono a dare alla contrada un’atmosfera d’altri tempi che si respira pienamente percorrendo le anguste vie porticate, sui cui si affacciano rustici portali in pietra, ballatoi in legno intagliato, strette finestre protette da inferriate. Interessante anche la chiesetta del Carmine, che custodisce alcune tele del Ceresa e vari affreschi: una deliziosa Madonna con Bambino collocata in sagrestia e altri soggetti effigiati sulle pareti dell’austero porticato, tra cui un San Giovanni Battista e un grande San Cristoforo, posto a protezione dei viandanti lungo la via Mercatorum.

DSC00369DSC02652DSC02650DSC02638DSC02624DSC02618DSC02263DSC02264

I cookie ci aiutano a migliorare il sito. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra maggiori informazioni

Cookie Prima Prima Parte

Questo sito utilizza cookie tecnici per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie permetti al loro utilizzo.

Cookie Terze Parti

Cliccando su "Accetta" permetti al loro utilizzo. I cookie di terze parti (es. Banner Facebook) possono tramettere cookie.

Chiudi